Riequilibrare , modificare...
...secondo natura.
Cosa cerca una persona che si rivolge ad un Chirurgo Estetico?
Quale risultato intende ottenere il Chirurgo?

Non esistono risposte valide
per tutti, ma una risposta per ognuno.

Così non sceglierò di illustrare
ciò che “si può fare”, ma soltanto
quello che io posso fare.

In questa presentazione non troverete
descrizione di interventi, casi clinici,
tariffe ed altro materiale che facilmente
già conoscete o troverete su altri siti.

Questo sito introduce

la mia filosofia.

Sono un Chirurgo di formazione Milanese e Torinese.

A Torino, mia città d’origine e “di passione”, mi sono formato in Chirurgia Maxillo-Facciale, mentre a Milano, la piu’ “Europea”, e’ stata patria di Chirurgia Plastica.

In quest’ambito, la Chirurgia Estetica è una super-specialità nata dalla Chirurgia Plastica, ma oggigiorno è una disciplina che si sta rendendo autonoma per l’alto tenore formativo che essa richiede, formazione che si ottiene fuori dal Sistema Sanitario Nazionale, frequentando corsi all’estero e acquisendo Master Universitari seri e dedicati.


Pertanto la Chirurgia Estetica, da branca di confine e di completamento di altre specialità affini, diviene materia in cui esercitare le proprie conoscenze ed abilità chirurgiche, in special modo in quegli ambiti come la Chirurgia Maxillo-Facciale, la Chirurgia Oftalmologica e la Chirurgia Otorinolaringoiatrica nei quali si approfondiscono le nozioni sul distretto testa-collo, regione in cui non si può improvvisare nulla per ragioni d’anatomia.

La Chirurgia Estetica è considerata una chirurgia voluttuaria, non salvavita, ma si compone pur sempre di procedure chirurgiche e come tali non scevre di postumi e talora di complicanze.
L’intervento chirurgico, condotto correttamente, non può considerarsi l’unico ed il più importante momento della “presa in cura” del paziente.

Qui vi voglio !! Siete pazienti, siamo pazienti, nel significato che soffriamo, ci lamentiamo di qualcosa.

Allora veniamo al punto ! Trasformiamo il corpo, ma non lo curiamo.

Tentiamo invece di curare l’anima attraverso il corpo con una correzione armonica, elegante , che non trasfiguri o renda volgari.